Goldman Sachs Exec dice che più investimenti istituzionali calmerebbero la volatilità della Bitcoin

Il responsabile globale della ricerca sulle materie prime Jeff Currie ritiene che la quantità di denaro istituzionale in bitcoin debba crescere per far maturare il bene.

Ricerca sulle materie prime di Goldman Sachs

Un dirigente della banca d’investimento multinazionale Goldman Sachs ritiene che l’aumento della partecipazione degli investitori istituzionali sia la „chiave“ per stabilizzare i mercati nascenti, come le valute criptate.

Parlando martedì su The Coin Rush della CNBC, il responsabile globale della ricerca sulle materie prime di Goldman Sachs, Jeff Currie, ha detto che il mercato delle crittovalute „sta diventando più maturo“, ma ha ancora molta strada da fare.

„Al momento sono [investitori istituzionali] piccoli … circa 700 miliardi di dollari di denaro in bitcoin (BTC, +3,21%), di cui circa l’1% è denaro istituzionale“, ha detto Currie.

Ha anche detto che il bitcoin è un asset difensivo simile all’oro

Currie, che è il responsabile globale delle materie prime e della ricerca, ha anche detto che il bitcoin è un asset difensivo simile all’oro. Ha raccolto i 3.000 miliardi di dollari del mercato dell’oro, dicendo che una parte di quel denaro potrebbe essere destinata alla crittovaluta.

„In questo momento tutte le crittovalute hanno circa un trilione [di dollari], diciamo che cresce fino a 2 trilioni di dollari, poi basta fare un semplice calcolo – quante monete ci sono là fuori divise per questo, e si può finire con un valore equo“.

Questa valutazione potrebbe aiutare a fornire un equilibrio a lungo termine, ma i flussi in entrata e in uscita di denaro in bitcoin creano molta volatilità e molta incertezza che rendono difficile fare previsioni, ha detto Currie.

Goldman Sachs Exec dice che più investimenti istituzionali calmerebbero la volatilità della Bitcoin
Nach oben scrollen